venerdì, dicembre 20, 2013

Elezioni Amministrative 2014. Approvato regolamento quadro Primarie


Regolamento quadro per le primarie del Partito Democratico della Toscana 
per le elezioni amministrative 2014.
Versione aggiornata dopo esecutivo regionale del 09/01/2014

Art. 1
(Premessa)
Il presente regolamento, in attuazione e in conformità allo statuto nazionale, disciplina, per quanto di competenza, lo svolgimento delle primarie promosse dal Partito Democratico o da coalizioni comprendenti il PD in occasione delle elezioni amministrative.

Art. 2
(Convocazione delle primarie elezioni amministrative 2014)
Le primarie promosse dal Partito Democratico della Toscana per la selezione delle candidature per le elezioni amministrative del 2014, sono convocate, ad ogni livello interessato, per domenica 9 marzo 2014. I seggi rimarranno aperti dalle ore 8:00 alle ore 20:00, per partecipare sarà previsto un contributo minimo di 2,00 € da parte di ogni votante ad esclusione degli iscritti al Partito Democratico “in regola al momento del voto”. 

Art. 3
(Comitato Organizzatore)
1. Le assemblee di ciascun livello territoriale interessato dalle elezioni amministrative eleggono, entro il 23 gennaio 2014, il Comitato organizzatore delle primarie composto da un minimo di 5 ad un massimo di 15 membri, nel rispetto del pluralismo interno e della rappresentanza dei territori interessati. Una volta presentate le candidature partecipano ai lavori del Comitato un rappresentante delegato per ogni candidato.
2. Il Comitato Organizzatore: sovrintende allo svolgimento dei lavori; supervisiona il corretto svolgimento delle operazioni; predispone la modulistica per la raccolta delle firme; accerta i requisiti di ammissione delle candidature e la regolarità delle firme raccolte; ufficializza la lista dei Candidati ammessi e non ammessi e la rende pubblica mediante affissione presso le sedi del PD.
3. Il Comitato Organizzatore inoltre: definisce i seggi elettorali; nomina scrutatori e Presidente di seggio; predispone il materiale necessario allo svolgimento delle Primarie; definisce la localizzazione dei seggi; predispone la stampa, la consegna ed il ritiro della modulistica relativa all'esercizio del voto; fornisce i moduli di ricevuta dei contributi economici versati dagli elettori; raccoglie i fondi e li contabilizza; raccoglie i verbali dei seggi e proclama 
i risultati.
4. Le iniziative di presentazione delle primarie sono coordinate dal Comitato organizzatore, che ne assicura il corretto svolgimento, con i seguenti obiettivi: favorire la più ampia partecipazione al voto; promuovere la conoscenza del programma del Partito Democratico; trasmettere un messaggio unitario; promuovere in egual modo tutte le candidature e le rispettive dichiarazioni d’intenti.
5. Le carica di componente del Comitato Organizzatore, componente del Comitato dei Garanti nazionale, regionale o provinciale, e di Candidato alle Primarie sono tra di loro incompatibili.
6. Nel caso di primarie di coalizione l'assemblea di ciascun livello interessato dalle elezioni amministrative elegge i componenti del PD nel comitato organizzatore.
7. Il codice di autoregolamentazione, approvato dalla Direzione regionale, contiene i principi e le norme di comportamento cui si dovranno attenere i candidati e che gli stessi si dovranno impegnare ad onorare. Il codice stabilirà inoltre un tetto alle spese individuali di ciascun candidato, in proporzione ai cittadini residenti in quel comune, gli strumenti e le moda-
lità consentite per una comunicazione corretta ed efficace, nonché coerente con il profilo del Partito Democratico.
Art. 4
(Primarie di coalizione)
1. I candidati alla carica di Sindaco e Presidente di Provincia vengono scelti attraverso il ricorso alle primarie di coalizione.
2. Il Regolamento per lo svolgimento delle primarie di coalizione, definito d’intesa con le forze politiche alleate, è approvato con i voti favorevoli della maggioranza assoluta dei componenti dell'Assemblea del Partito Democratico del livello territoriale corrispondente, sulla linea di quanto indicato all'interno di questo regolamento. Tale Regolamento stabilisce le norme per l’esercizio del diritto di voto, le modalità e i tempi per la presentazione delle candidature e la convocazione della consultazione, disciplina la competizione per la fase che va dalla presentazione delle candidature alle primarie, fissa modalità rigorose di registrazione dei votanti e di svolgimento delle operazioni di voto.
3. Nel caso di primarie di coalizione, gli iscritti al Partito Democratico possono avanzare la loro candidatura qualora essa sia stata sottoscritta da almeno il trentacinque per cento dei componenti dell’Assemblea del livello territoriale corrispondente, ovvero, da almeno il venti per cento degli iscritti 1  nel livello territoriale corrispondente.
4. Qualora non si svolgano primarie di coalizione, si procede con le primarie di partito, a meno che la decisione di utilizzare un diverso metodo per la scelta del candidato comune non sia approvata con il voto favorevole dei tre quinti dei componenti eletti (ad esclusione dei componenti per funzione) presenti all’Assemblea del livello territoriale corrispondente chiamata a deliberare in merito.
Art. 5
(Primarie di partito)
1. Nel caso di primarie di partito, la candidatura a Sindaco e Presidente di Provincia può essere avanzata con il sostegno del dieci per cento dei componenti della Assemblea del livello territoriale corrispondente, ovvero con un numero di sottoscrizioni pari almeno al tre per cento degli iscritti 2 nel livello territoriale corrispondente. Nel caso di primarie di partito, qualora il Sindaco, Presidente di Provincia al termine del primo mandato, avanzino nuovamente la sua candidatura, possono essere presentate eventuali candidature alternative se ricevono il sostegno del trenta per cento dei componenti della Assemblea del livello territoriale corrispondente, ovvero di un numero di sottoscrizioni pari almeno al quindici per cento degli iscritti 3  nel livello territoriale corrispondente.

Art. 6
(Presentazione della candidature)
1. Possono essere candidati alle primarie per la carica di Sindaco e Presidente di Provincia i cittadini in possesso dei requisiti di legge che li rendano eleggibili a tali cariche, la cui candidatura non sia in contrasto con il Codice etico del PD e che abbiano sottoscritto, oltre al presente Regolamento, il Codice etico e lo Statuto nazionale del Partito democratico.
2. Il Sindaco e Presidente di Provincia uscente che, ai termini della legge e degli statuti nazionale e regionale del PD, risulti rieleggibile, scioglie la riserva circa una eventuale riproposizione della propria candidatura in forma scritta indirizzata al segretario del livello territoriale corrispondente entro il 10 gennaio 2013 e non ha necessità di raccogliere le firme in quanto automaticamente ricandidato.
3. Le candidature devono essere sottoscritte su appositi moduli predisposti dal Comitato organizzatore. I moduli per l’accettazione di candidatura e per la raccolta delle sottoscrizioni riportano il contrassegno a colori del Partito Democratico o della coalizione, ma possono essere stampati ed utilizzati in bianco e nero.
4. Le sottoscrizioni non hanno bisogno di autenticazione e si ritengono valide se raccolte in presenza di iscritti al Partito Democratico che ricoprano uno dei seguenti incarichi: Parlamentare nazionale o europeo; Consigliere o assessore regionale, provinciale, comunale.
5. Le sottoscrizioni posso essere raccolte a partire dal 27 gennaio 2014 fino al 31 gennaio 2014 alle ore 20:00.
6. Le candidature sono valide se accompagnate da una autocertificazione circa il soddisfacimento dei requisiti previsti dallo Statuto e dal Codice etico.
7. Il Comitato organizzatore competente procede alla verifica della documentazione di presentazione delle candidature, della validità delle sottoscrizioni e della loro congruità rispetto ai requisiti quantitativi nonché della correttezza della documentazione richiesti. Nel caso di primarie di coalizione la verifica dei requisiti indicati all'art. 4 c. 3 del presente regolamentoè affidata ai membri PD nel comitato organizzatore.
8. Il comitato organizzatore può eventualmente accordare 48 ore di tempo ai candidati per integrare la documentazione richiesta dai regolamenti.
9. Trascorse 48 ore dalla scadenza del termine per la presentazione delle candidature, in mancanza   di   ricorsi   o   contestazioni,   il   Comitato   organizzatore   rende   noti   i   nomi   dei candidati alle primarie.
10. In caso di ricorsi, il comitato organizzatore li devolve al Collegio dei Garanti del livello territoriale immediatamente superiore, che decide in unica e inappellabile istanza entro 48 ore.
11. Terminate tutte le operazioni della presentazione dei candidati, il Comitato organizzatore stabilisce mediante sorteggio da effettuarsi alla presenza dei candidati o dei loro delegati, il numero d’ordine da assegnare a ciascun candidato. I nomi dei candidati saranno riportati sulle schede e su qualsiasi altro materiale prodotto per la campagna d’informazione secondo 
l’ordine assegnato dal sorteggio.

Art. 7
(Maggioranza e unica candidatura)
1. Le primarie di partito e di coalizione per la scelta dei candidati a Sindaco e Presidente di Provincia si svolgono con il metodo della maggiorana relativa. L'assemblea del livello terri-toriale corrispondente può decidere di scegliere il metodo alternativo del doppio turno, se nessuno dei candidati raggiunge la maggioranza assoluta dei voti al primo turno, con il voto favorevole del 60 % dei membri dell'assemblea.
2. Non si svolgono le primarie di coalizione o di partito nel caso in cui, nei tempi prescritti dal Regolamento sia stata avanzata una sola candidatura alla carica oggetto di selezione. 
Tale candidatura diventa automaticamente quella del PD alle elezioni.

Art. 8
(Elettori)
1. Possono partecipare alle primarie le persone che alla data delle primarie abbiano compiuto il sedicesimo anno di età, già registrate nell'Albo degli elettori del Partito Democratico o che, cittadine e cittadini italiani nonché cittadine e cittadini dell’Unione europea residenti nel territorio comunale, cittadine e cittadini di altri Paesi in possesso di permesso di soggiorno, iscritti e non iscritti al Partito Democratico, dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Partito, di sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrate nell’Albo pubblico delle elettrici e degli elettori al momento del voto.

Art. 9
(Comuni fino a 5.000 abitanti)
1. Qualora l’Assemblea comunale, a maggioranza più uno dei propri membri, entro il 18 gennaio 2014, con la ratifica della direzione territoriale (se esistente), accerti che non sussistono le condizioni per lo svolgimento delle primarie per l’individuazione del candidato a sindaco, si procede con il metodo della selezione regolata nell’Assemblea comunale, con il vincolo che tale scelta e il relativo regolamento vengano approvati con il voto favorevole dell’80 per cento dei componenti dell'Assemblea comunale.

Art. 10
(Comune di Prato)
1. Ai fini del presente regolamento, le competenze sulle primarie per il Comune di Prato sono attribuite alla rispettiva assemblea territoriale.

Art. 11
(Regolamenti esistenti)
1. Nel caso in cui un coordinamento territoriale o un'Unione Comunale abbiano già provveduto ad approvare un proprio regolamento per lo svolgimento delle primarie e nel caso in cui lo stesso si difformi dal presente è necessario un adeguamento secondo le norme del presente entro il 23 dicembre 2013.
Art. 12
(Norma di salvaguardia)
1. I candidati alle primarie si impegnano:
- a riconoscere i risultati delle primarie come certificati dal comitato organizzatore;
- a deferire all'atto della candidatura qualunque questione, quesito, controversia, di tipo regolamentare, interpretativo, o inerente allo svolgimento delle operazioni di voto e di scrutinio esclusivamente agli organi previsti dal presente regolamento.


In vista delle elezioni amminsitrative del 2014 la Direzione Regionale del Pd della Toscana riunitasi a Firenze ha approvato percorso e modalità per la selezione delle candidature. E’ stata definita una data unica, quella del 23 febbraio 2014, per tenere le elezioni primarie per la scelta dei candidati sindaco  e il Pd si presenterà con questa proposta di data anche agli altri partiti nei casi di coalizione.  - See more at: http://www.pdtoscana.it/elezioni-amministrative-2014-approvato-regolamento-quadro-primarie/#sthash.U6v9QyAi.dpuf
In vista delle elezioni amminsitrative del 2014 la Direzione Regionale del Pd della Toscana riunitasi a Firenze ha approvato percorso e modalità per la selezione delle candidature. E’ stata definita una data unica, quella del 23 febbraio 2014, per tenere le elezioni primarie per la scelta dei candidati sindaco  e il Pd si presenterà con questa proposta di data anche agli altri partiti nei casi di coalizione.  - See more at: http://www.pdtoscana.it/elezioni-amministrative-2014-approvato-regolamento-quadro-primarie/#sthash.U6v9QyAi.dpuf
In vista delle elezioni amminsitrative del 2014 la Direzione Regionale del Pd della Toscana riunitasi a Firenze ha approvato percorso e modalità per la selezione delle candidature. E’ stata definita una data unica, quella del 23 febbraio 2014, per tenere le elezioni primarie per la scelta dei candidati sindaco  e il Pd si presenterà con questa proposta di data anche agli altri partiti nei casi di coalizione.  - See more at: http://www.pdtoscana.it/elezioni-amministrative-2014-approvato-regolamento-quadro-primarie/#sthash.U6v9QyAi.dpuf
In vista delle elezioni amminsitrative del 2014 la Direzione Regionale del Pd della Toscana riunitasi a Firenze ha approvato percorso e modalità per la selezione delle candidature. E’ stata definita una data unica, quella del 23 febbraio 2014, per tenere le elezioni primarie per la scelta dei candidati sindaco  e il Pd si presenterà con questa proposta di data anche agli altri partiti nei casi di coalizione.  - See more at: http://www.pdtoscana.it/elezioni-amministrative-2014-approvato-regolamento-quadro-primarie/#sthash.U6v9QyAi.dpuf
In vista delle elezioni amminsitrative del 2014 la Direzione Regionale del Pd della Toscana riunitasi a Firenze ha approvato percorso e modalità per la selezione delle candidature. E’ stata definita una data unica, quella del 23 febbraio 2014, per tenere le elezioni primarie per la scelta dei candidati sindaco  e il Pd si presenterà con questa proposta di data anche agli altri partiti nei casi di coalizione.  - See more at: http://www.pdtoscana.it/elezioni-amministrative-2014-approvato-regolamento-quadro-primarie/#sthash.U6v9QyAi.dpuf

martedì, dicembre 10, 2013

Complimenti e buon lavoro al nuovo segretario del PD Matteo Renzi

Renzi - L  
La nuova segreteria del Pd è composta da cinque uomini e sette donne:
Luca Lotti (Organizzazione)
Stefano Bonaccini (Enti locali)
Filippo Taddei (Economia)
Davide Faraone (Welfare e Scuola)
Francesco Nicodemo (Comunicazione)
Marianna Madia (Lavoro)
Federica Mogherini (Europa)
Debora Serracchiani (Infrastrutture)
Chiara Braga (Ambiente)
Alessia Morani (Giustizia)
Pina Picierno (Legalità e Sud)
Maria Elena Boschi (Riforme istituzionali)
 

martedì, novembre 26, 2013

11/11/2013 Prima Assemblea Unione Comunale. L'intervento del Segretario.


Inizio con il ringraziare tutti gli iscritti che mi hanno confermato la fiducia nel guidare il PD comunale. Il contesto in cui siamo chiamati ad operare è diverso da quello nel quale sono stato eletto tre anni fa. Oggi ci troviamo a pochi mesi dalle elezioni amministrative e con un governo di coalizione guidato da Letta nato dopo la “non vittoria” alle ultime elezioni e la vergognosa pagina dell’elezione del Presidente della Repubblica che hanno profondamente minato la fiducia e il sostegno di molti elettori, sostenitori e iscritti, che speravano finalmente di poter cambiare politicamente questo paese.
Siamo nel pieno di un congresso, quasi alla fine della prima farse riservata agli iscritti, che si proietta verso la fase, aperta ad iscritti e simpatizzanti, che si concluderà l’8 dicembre con l’elezione di un nuovo Segretario Nazionale.
Il Pd dal 9 dicembre, a prescindere da chi sarà il nuovo segretario, non sarà più lo stesso. E tutti desideriamo che sia un PD capace di dare risposte concrete alle necessità delle persone a partire da quelle di lavoro al superamento della crisi  economica e sociale e ci proietti  verso una vittoria alle prossime elezioni. 
Nel nostro piccolo occorre “sfruttare” questa attenzione mediatica verso il nostro partito per ri-coinvolgere e ri-motivare le persone che ancora non si vogliono arrendere alla deriva dell’antipolitica; anche per gli obiettivi più vicini a noi come  le prossime elezioni amministrative.

E’ un compito difficile ma necessario se crediamo che il Partito Democratico sia lo strumento in grado di migliorare questo paese mobilitandone le migliori energie facendo leva sui valori presenti nel nostro tessuto sociale.

A Lastra a Signa il PD è una realtà attiva con ampi spazi di miglioramento. In questi anni sono state coinvolte persone nuove e molti giovani. Occorre continuare ad essere un partito aperto che non ha paura del confronto interno e della dialettica.
Sicuramente l’attuale aspetto organizzativo deve essere migliorato e necessita di una distribuzione dei pesi e delle responsabilità che permetta al segretario e alla classe dirigente di poter mettere a frutto le molte ricchezze che il nostro partito possiede. Un partito capace di costruire una relazione con i corpi sociali della città, con le realtà associative, con le frazioni, con tutti coloro che hanno a cuore il benessere della comunità. Un partito in grado di governare i processi politici di Lastra a Signa.

In questo contesto importante è la figura dei Circoli. I circoli del PD hanno enormi potenzialità ma anche responsabilità. E’ necessario che essi diventino motore di partecipazione, rappresentatività e radicamento nel territorio e per fare questo devono sforzarsi di ascoltare e confrontarsi con le persone che vivono il territorio.

Ascolto e confronto sono punti importanti per prepararsi alle prossime elezioni amministrative.
Il percorso che ci deve portare ad immaginare Lastra a Signa nel futuro deve partire da un confronto con propri cittadini. Partire  da quello che sono le necessità, i desideri e i bisogni dei cittadini per poi elaborare un progetto fattibile che disegna  la Lastra a Signa del futuro.
Qualunque sia il futuro assetto dell’area fiorentina il nostro territorio deve essere in grado di portare il proprio contributo perché siamo parte di una comunità più vasta di quella delimitata dai nostri confini comunali che con noi è connessa e che ne influenza la vita.

In sintesi  un pd:
1. Aperto e non autoreferenziale.
2. Che ascolta e si confronta.
3. Organizzato che fa  gioco di squadra
4. in stretto collegamento con l’amministrazione

5. Connesso con la realtà metropolitana

martedì, novembre 12, 2013

In preparazione dell'8 dicembre - Le convenzioni a Lastra a Signa



Conclusi i congressi si circolo, comunali e provinciali, siamo nella fase del cammino che porta verso le primarie dell’8 dicembre: la convenzione.
In questi giorni sui social network vedete i risultati dei voti che si riferiscono a questa fase che si concluderà per tutti il 17 novembre.
Nei circoli gli iscritti sono chiamati a eleggere i delegati per la convenzione provinciale (8 per Lastra a Signa) che sarà poi chiamata a scegliere i rappresentanti del Pd provinciale alla convenzione nazionale. I rappresentanti a Roma saranno chiamati a votare per i candidati alle primarie e solo chi raggiungerà almeno il 5 per cento dei consensi sarà ammesso alle primarie dell’8 dicembre. Probabilmente rimarranno in tre.
Nelle convenzioni gli iscritti sono chiamati per discutere i contenuti programmatici dei candidati alle primarie nazionali così come è stato fatto per le elezioni locali.

Non è facile richiamare gli iscritti ad un nuovo voto a due settimane dall'elezione dell’assemblea comunale e provinciale quando tutti puntano i riflettori all'appuntamento dell’8 dicembre.

A Lastra a Signa le convenzioni si svolgeranno Venerdì 15:

Circolo Ginestra   Circolo Arci Toscanini  Venerdi 15 Novembre dalle ore 20.30 alle ore 23.00
Circolo Malmantile  Sede PD          Venerdi 15 Novembre dalle ore 20.30 alle ore 23.00
Circolo  Cascine  Circolo ARCI Pista le Cascine Venerdi 15 Novembre dalle ore 19.00 alle ore 23.00 
Circolo  Tripetetolo Circolo  ARCI LE due strade Venerdi 15 Novembre dalle ore 20.00 alle ore 23.00
Circolo Ulivo  circolo "L'Ulivo" Venerdi 15 Novembre dalle ore 19.00 alle ore 22.00  

domenica, ottobre 27, 2013

Risultati Congresso 2013 Lastra a Signa

Si sono conclusi i congressi di circolo nell'Unione comunale di Lastra a Signa.
I risultati dei circoli e del segretario comunale  non erano in discussione vista la presenza nei circoli di una sola lista.
Sono stati eletti:

CIRCOLO GINESTRA          Gisella Lucchese
CIRCOLO MALMANTILE   Nello Ciletti
CIRCOLO ULIVO                  Leonardo Cappellini
CIRCOLO CASCINE              Bruna Velona
CIRCOLO TRIPETETOLO  Matteo Gorini

Nell'Unione Comunale è stato confermato Stefano Calistri.

I risultati del congresso metropolitano sono i seguenti:


  

venerdì, ottobre 25, 2013

Date Congressi PD Lastra a Signa

I congressi di circolo nella nostra Unione comunale si svolgeranno a partire da Venerdì 25 ottobre per concludersi Sabato 26 ottobre.
In apertura dei congressi di circolo verranno presentate  le linee politiche e programmatiche dei candidati ai vari livelli di direzione: di circolo, comunale dove sono ricandidato alla segreteria , metropolitano dove i candidati sono Olmo Gazzarri, Fabio Incatasciato, Mirko Dormentoni.

I congressi sono aperti alla partecipazione di elettori e simpatizzanti del Partito Democratico. Il diritto di voto è riservato a tutti coloro regolarmente iscritti al PD fino al termine delle operazioni di voto dei congressi.
E' possibile iscriveri anche il giorno stesso del congresso fino al termine delle operazioni di voto dei congressi.
I regolamenti li trovate su questo  Blog.


Date svolgimento congressi: 
Venerdi 25 ottobre 2013 al circolo Le Cascine  apertura congresso ore  18.00 chiusura ore 23.00
Venerdì 25 ottobre 2013 al circolo della Ginestra  apertura congresso ore  21.00 chiusura ore 23.00
Sabato 26 ottobre 2013 al circolo L'Ulivo  apertura congresso ore  15.00 chiusura ore 19.00
Sabato 26 ottobre 2013 al circolo di Malmantile apertura congresso ore  17.00 chiusura ore 20.00
Sabato 26 ottobre 2013 al circolo Tripetetolo apertura congresso ore  17,30 chiusura ore 23.30
Nella speranza di incontrarci ai congressi vi saluto.
Stefano Calistri

mercoledì, ottobre 09, 2013

Regolamento per lo svolgimento dei Congressi locali


LOGO-CONGRESSI







La Direzione regionale del Partito Democratico, riunitasi il 5 ottobre 2013 ha approvato all’unanimità le norme attuative per lo svolgimento dei congressi dei circoli, delle unioni comunali e dei coordinamenti territoriali.

Regolamento regionale per lo svolgimento dei Congressi dei Circoli, delle Unioni Co­munali e dei Coordinamenti Territoriali, ai sensi dell’art 12 del Regola­mento per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Nazionale, approvato dalla Direzione nazionale in data 27 settembre 2013.  - Scarica -

Qui  il link alla pagina del sito nazionale del Pd dove trovare tutti i Regolamenti nazionali, delibere e moduli per lo svolgimento dei Congressi .

venerdì, settembre 20, 2013

Assemblea nazionale del Pd a Roma


assemblea nazionale  assemblea_nazionale

Oggi Venerdì 20 e domani  Sabato 21 settembre si riunirà a Roma l’Assemblea nazionale del Partito Democratico.

Gli argomenti all'ordine del giorno, insieme alla situazione politica, saranno: comunicazioni della presidenza relative all'art. 5 dello Statuto, relativo alla durata dei mandati del segretario e dell’Assemblea nazionale; adempimenti congressuali relativi all'art. 9, sulla scelta dell’indirizzo politico mediante elezione diretta del segretario e dell’Assemblea nazionale; adempimenti statutari relativi all'art. 42, che tratta delle revisioni dello Statuto e dei Regolamenti e, infine, l'integrazione del Collegio Sindacale ai sensi dell’art. 32 dello Statuto.



I lavori dell’Assemblea saranno trasmessi in diretta su www.youdem.tv.

mercoledì, settembre 11, 2013

Un grazie particolare a tutti i volontari




La Festa Democratica di Lastra è stata anche quest’anno una festa. Tanta partecipazione di persone che hanno voluto dire la sua.
Nonostante il clima politico nazionale e la scarsa fiducia nei politici c’è voglia di politica e soprattutto di essere partecipi. 
Un ringraziamento  a tutti coloro che hanno partecipato alle serate ma un grazie  particolare soprattutto ai tanti volontari che si sono adoperati per la riuscita della festa e soprattutto  ai Giovani Democratici che continuano a portare entusiasmo e voglia di cambiamento.
Ci aspetta adesso un autunno impegnativo per preparare al meglio la prossima campagna elettorale che ci porterà nella primavera prossima alle elezioni amministrative.
GRAZIE A TUTTI.
Stefano Calistri

Una selezione di foto dei giorni conclusivi della Festa


















sabato, settembre 07, 2013

Programma giorni finali FESTA PD di Lastra

Sabato 7 settembre
ore 21,00 Serata danzante


ore 21,30 incontro:
Lastra del Futuro: La città metropolitana
Sara Biagiotti - Assessore allo Sviluppo Economico,
Turismo, Politiche del lavoro, Città Metropolitana
del Comune di Comune di Firenze


Introduce Stefano Calistri
Segretario comunale PD Lastra a Signa


Domenica 8 settembre
ore 21.30 DIBATTITO

Il Partito Democratico e il Futuro del paese
Interverrano i parlamentari
On. DAVID ERMINI
On. ALESSANDRA MORETTI

Modera Fabrizio Morviducci giornalista de "La Nazione"




Video intervista Giovani Democratici Lastra a Signa

Nei due primi incontri organizzati nella Festa Democratica di Lastra a Signa  i Giovani Democratici hanno presentato un loro Video. Eccolo.



venerdì, settembre 06, 2013

Le prime foto della Festa

Ieri è iniziata la Festa del Pd di Lastra  Signa  con l'apericena e il dibattito  Lastra del Futuro: La Viabilità dove hanno partecipato: Stefano Calistri , On. Simona Bonafè,Carlo Nannetti  Sindaco di Lastra a Signa, Stefano Giorgetti - Assessore Provinciale alla Mobilità, Mirko Fancelli  Consigliere  provinciale PD,


 
Lo striscione della festa a Tripetetolo


Il montaggio degli stand

Stefano Calistri Segretario Unione Comunale Lastra a Signa introduce l'incontro

Duccio Zingoni GD presenta il Video dei GD.



Mirko Fancelli - Consigliere provincia di Firenze



On. Simona Bonafè



sabato, agosto 31, 2013

Festa PD Lastra - programma aggiornato

Se volete interagire con noi e dirci come la pensate usate Twitter o Facebook  con #dilloalPDlastra

Giovedì 5  Settembre
Ore 19.30   APERTURA FESTA
APERICENA ...... (costo 5 euro)

ore 21,30  Dibattito: 
Lastra del Futuro: La Viabilità 

Introduce Stefano Calistri  
Segretato comunale PD Lastra a Signa 

Saluti On. Simona Bonafè 

Carlo Nannetti  Sindaco di Lastra a Signa
Stefano Giorgetti - Assessore Provinciale alla Mobilità 
Mirko Fancelli  Consigliere  provinciale PD


Venerdì 6 settembre
ore 21,30  Dibattito: Lastra del Futuro:  I giovani 
Lorenzo Tilli  - Resp. GD Firenze
Duccio Zingoni  - Resp. GD Lastra a Signa
Giulio Mariani - Resp. Programma amministrative GD Firenze 

ore  21,00  Rifricolona  organizzata dal Circolo  ARCI
“le due strade” a Tripetetolo 

Sabato  7  settembre  

ore 21,00  Serata danzante  

ore 21,30  incontro:
Lastra del Futuro:  La città metropolitana
Sara Biagiotti  - Assessore allo Sviluppo Economico, 
Turismo, Politiche del lavoro, Città Metropolitana 
del Comune di Comune di Firenze
Introduce Stefano Calistri  
Segretario comunale PD Lastra a Signa 

Domenica  8 settembre 
ore  21.30 DIBATTITO
IL Partito Democratico e il Futuro del paese
Interverrano i  parlamentari 
On. DAVID ERMINI
On. ALESSANDRA  MORETTI

Modera 
Fabrizio Morviducci giornalista  de "La Nazione"

martedì, agosto 13, 2013

Festa PD Lastra a Signa

Nel mese di settembre il nostro partito sarà impegnato nella nostra festa democratica, che faremo al circolo ARCI "le due Strade" a  Tripetetolo nei giorni 5-6-7-8  settembre.
Saremo inoltre  impegnati anche nella festa democratica metropolitana di Firenze che quest'anno si svolgerà all’Obihall.






Programma provvisorio

Giovedì 5  Settembre
Ore 19.30   APERTURA FESTA
APERICENA ...... (costo 5 euro)

ore 21,30  Dibattito: 
Lastra del Futuro: La Viabilità 
Carlo Nannetti  Sindaco di Lastra a Signa
Stefano Giorgetti - Assessore Provinciale alla Mobilità 
Mirko Fancelli  Consigliere  provinciale PD
Introduce Stefano Calistri  
Segretato comunale PD Lastra a Signa 

Venerdì 6 settembre
ore 21,30  Dibattito: Lastra del Futuro:  I giovani 
 Lorenzo Tilli  - Resp. GD Firenze
Duccio Zingoni  - Resp. GD Lastra a Signa

ore  21,00  Rifricolona  organizzata dal Circolo  ARCI
“le due strade” a Tripetetolo 

Sabato  7  settembre  
ore 21,00  Serata danzante  
ore 21,30  incontro:
Lastra del Futuro:  La città metropolitana
Sara Biagiotti  - Assessore allo Sviluppo Economico, 
Turismo, Politiche del lavoro, Città Metropolitana 
del Comune di Comune di Firenze
Introduce Stefano Calistri  
Segretario comunale PD Lastra a Signa 

Domenica  8 settembre 
ore  21.30 DIBATTITO
IL Partito Democratico e il Futuro del paese
Interverrano i  parlamentari 

On. DAVID ERMINI
On. ALESSANDRA  MORETTI

modera l’incontro 
Giornalista della Nazione.




venerdì, agosto 09, 2013

Un grazie ad Alessio Ferracani.



La settimana scorsa l’assessore al Bilancio, al Personale e allo sport del comune di Lastra a Signa si è dimesso a seguito dell’entrata in vigore del Dlgs 39/2013 che tenuto conto delle prime interpretazioni alla norma vede la carica di assessore presumibilmente incompatibile con quella di Dirigente della Pubblica amministrazione, inviando al Sindaco la propria lettera di dimissioni.
Nonostante questo decreto stia creando moltissime discussioni e varietà di interpretazioni su tutto il territorio nazionale occorre sottolineare l’onestà intellettuale di Ferracani, che anche di fronte ai molti dubbi sull’applicabilità anche alle nomine precedenti l’entrata in vigore della norma, ha voluto che non ci fossero dubbi sulla sua volontà di fare chiarezza.
Senza entrare nel merito del decreto, occorre ancora una volta sottolineare come sulla scia di eventi particolari si legiferi in modo frettoloso, seppur per valide motivazioni, senza valutare i problemi correlati all’applicazione delle stesse, penalizzando principalmente chi vive la politica ancora come un servizio alla comunità.
Ringrazio Alessio, anche a nome del Partito Democratico, per l’impegno profuso in questi anni in cui amministrare, soprattutto come assessore al Bilancio, non è stato facile per via della profonda crisi economica, delle molte restrizioni e dei vincoli imposti dai vari governi.
Visto che presumibilmente quello appena approvato sarà l’ultimo bilancio della legislatura è giusto sottolineare che, anche grazie al suo lavoro di questi anni, se abbiamo una situazione che non desta preoccupazione, per quanto possibile viste le situazioni di profonda crisi degli enti locali, lasciando in dote alla futura amministrazione una ordinata situazione contabile.
Rispettando l’assessore per la sua coerenza e correttezza avrei comunque preferito che ci fosse stata la possibilità di prendere un po’ più di tempo prima che fosse data risposta a questa importante decisione, avendo modo magari di vedere anche l’evolversi della situazione nazionale.
Auspico che si possa trovare una soluzione a questa ennesima “norma” che cade sulle amministrazioni territoriali a seguito di decisioni di carattere nazionale che come spesso accade complicano la vita a chi agisce correttamente senza portare miglioramento alcuno alla vita dei cittadini.

martedì, luglio 23, 2013

venerdì, giugno 28, 2013

Mandela, un esempio per noi

Madiba sta per lasciarci. Uno degli ultimi grandi esempi della storia contemporanea sta per passare all’altro mondo. Saremo tutti più orfani, non solo perché Nelson Mandela è stato ed è una figura di riferimento del nostro tempo, ma soprattutto perché ha rappresentato ed incarnato in se stesso la parola SPERANZA.

E’ un sostantivo ormai in disuso in un paese vecchio come l’Italia, che si attorciglia dietro alle improbabili espulsioni degli esponenti grillini, polemizza intorno alle inutili spese degli F-35, vive in una condizione di perenne presente, senza mai vedere al di là del proprio naso.

Nel bel post precedente del nostro segretario viene sottolineata l’incapacità di guardare oltre.
Rileggendolo penso a Mandela, il quale dalla sua minuscola cella già si immaginava il suo paese dopo quarant’anni.

Adesso il Partito Democratico raccolga il testimone del Presidente sudafricano ed abbia la sua stessa lungimiranza.


Pietro Marinesi

mercoledì, giugno 26, 2013

Il governo del rinvio

Senza usare frasi usate da altri e senza pretesa di voler insegnare il mestiere a chi e' molto piu' esperto.... questo governo e', per ora, il governo del rinvio! IMU, IVA, F35 !
Sembra proprio un governo che  tira  a campare .... senza prendere decisioni perché  e' impossibile prendere decisioni di finanza pubblica e fare  riforme strutturali  governando con chi ci  ha portato a questo punto. 
Intanto il tempo passa e la crisi continua a fare danni alle famiglie italiane.... 



sabato, giugno 22, 2013

La viabilita' delle Signe

Stefano Giorgetti, Assessore ai Trasporti e Mobilità della Provincia di Firenze, ha illustrato qualche giorno fa lo studio condotto dal dipartimento di Ingegneria civile e industriale dell’università di Pisa con l’obiettivo primario di individuare le soluzioni progettuali per un miglioramento della viabilità all’interno dei centri abitati di Signa e Lastra a Signa con particolare riferimento all’unica area di collegamento tra i due agglomerati urbani, in corrispondenza del ponte. Lo studio, realizzato in collaborazione con la Provincia di Firenze e con le Amministrazioni comunali di Signa e Lastra a Signa è stato presentato nel corso di un incontro con la stampa a cui hanno preso parte anche i sindaci Carlo Nannetti, Alberto Cristianini e l’ingegner Massimo Losa dell’Università di Pisa

L’Assessore Giorgetti ha evidenziato l’aspetto principale del prospetto, quello cioè di "dividere i flussi di traffico evitando o quantomeno limitando le intersezioni che oggi sono le cause delle lunghe code". E, accanto alle deviazioni dei flussi di traffico, lo studio prefigura uno scenario fatto di rotatorie, varianti, rampe di accesso al ponte sull’Arno. Ed è proprio quest’ultima opera che, nell’immediato, interessa direttamente Lastra a Signa. Una rampa di accesso al ponte per i veicoli provenienti da Lastra a Signa e che saranno dirottati in gran parte su via di Sotto; rampa che dovrebbe partire all’altezza dell’attuale parcheggio prospiciente via del Leccio e per la quale il Sindaco Carlo Nannetti si augura "si possa giungere alla gara di affidamento lavori entro il termine del mio mandato", vale a dire tra meno di un anno. "Ovviamente" ha detto Nannetti "dato che i problemi della mobilità a Lastra a Signa interessano sia il traffico locale, che quello di attraversamento, quest’ultimo potrà trovare soluzione solo con la realizzazione di un altro ponte sull’Arno…". In generale, comunque, ha aggiunto il Sindaco di Lastra a Signa "la tappa odierna conferma il valore della collaborazione tra Enti; l’azione comune delle Amministrazioni pubbliche consente di portare a soluzione questioni di primaria importanza per le nostre comunità".
Tutti gli intervenuti hanno sottolineato come la presentazione dello studio giunga a meno di un mese di distanza dalla firma del protocollo sottoscritto lo scorso maggio dall’Assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli e i Sindaci di Campi Bisenzio, Lastra a Signa e Signa, relativo allo stanziamento regionale – circa 15 milioni di euro tra 2013 e 2014 - per l’integrazione tra viabilità locale e regionale nell’area dei tre Comuni. Pur non "accantonando l’idea della “bretella” Stagno-Prato, per cui si prevedono tempi allungati" aveva dichiarato nell’occasione l’Assessore Ceccarelli, la Regione Toscana ha "stabilito di finanziare intanto opere dai costi più accessibili". In base al protocollo, verranno realizzati, tra l’altro: il collegamento tra l’uscita della FiPiLi e il ponte sull’Arno, a Lastra a Signa e il collegamento tra il ponte sull’Arno e Indicatore, a Signa; il tutto, procedendo per lotti funzionali e con "tempi contemporanei".

In pratica lo studio ipotizza di connettere la rete secondaria (S.S. n.66 “Pistoiese” e S.S. n.67 “Livornese”) con una circonvallazione che interessa i due centri urbani. Gli interventi necessari al raggiungimento di questo obiettivo prevedono in pratica sono rappresentati da:
- Lastra a Signa: realizzazione di una rampa di accesso al ponte per i veicoli provenienti da Lastra a Signa che, per effetto di tale variante, saranno dirottati in larga parte su Via di Sotto; e realizzazione di una rotatoria in corrispondenza del viadotto della linea ferroviaria con relativo ramo di collegamento a Via di Sotto;
- Signa: completamento di Via Arte della Paglia e del suo collegamento con il Ponte attraverso la costruzione di un nuovo sottopasso ferroviario, per quanto concerne il territorio comunale di Signa.

Ancora un passo è stato fatto in attesa di un nuovo attraversamento sul fiume.